Responsabili del progetto: Cristofaro Di Maio e Marina Boniello

L’Affido familiare, istituito in Italia dalla legge 184 del 1984 ed arricchito dalle modifiche del 2015, rappresenta un importante strumento a tutela del diritto del minore ad una famiglia. L’istituto, disciplinato dalla l. 4 maggio 1983, n° 184 e modificato l’11 marzo 2015, sancisce la possibilità di affidare ad un nucleo familiare terzo il minore temporaneamente privo di un ambiente familiare idoneo nell’ottica di assicurarne il mantenimento, l’educazione, l’istruzione e le relazioni affettive, insieme con il rafforzamento del legame con la famiglia d’origine. Si tratta, indiscutibilmente, di un percorso che necessita di una particolare cura ed attenzione sin dalle fasi iniziali, dall’individuazione delle famiglie affidatarie all’abbinamento con il minore, e che, nel suo svolgimento, può presentare diverse criticità in relazione ai diversi soggetti coinvolti.

Dal febbraio 2016, Orizzonti collabora con il Servizio politiche per l’infanzia e l’adolescenza del comune di Napoli con attività progettuali a sostegno dei nuclei familiari che accolgono i minori nella duplice ottica di diffusione della cultura dell’affido, in moltissimi casi proposta alternativa all’istituzionalizzazione dei minori, e di accompagnamento delle famiglie che accolgono il minore nelle complesse dinamiche che coinvolgono tutte le parti in causa. Attraverso interventi di consulenza filosofica e psicologica a cadenza regolare, “Orizzonte Affido” configura uno spazio protetto di riflessione e di analisi a disposizione dei coniugi affidatari che valorizzi i temi della solidarietà e del dono quali risorse interiori nel fronteggiare le situazioni di difficoltà che possono emergere durante il percorso.

L’intero progetto è centrato sulla logica della ricerca-intervento ed è finalizzato alla rilevazione delle principali problematiche che rendono poco diffuso l’affido con l’obiettivo di ideare ed offrire un modello sostenibile di affidamento alle famiglie interessate.